Accesso ai servizi

Giovedì, 12 Marzo 2020

Il buon senso dei commercianti di Omegna anticipa il DCPM



Il buon senso dei commercianti di Omegna anticipa il DCPM


Ancor prima delle disposizioni imposte dal DPCM di ieri, mercoledì 11 marzo, numerosissimi negozi della nostra città hanno scelto di tutelare se stessi e i clienti tenendo chiusa la propria attività

 

Era questione di buon senso e responsabilità.

Con il Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri di ieri arriva chiara e inequivocabile l’indicazione a SOSPENDERE tutte le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per i negozi di alimentari e di prima necessità.

 

Con loro RESTANO APERTE edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie.

In questo caso, i titolari dovranno garantire la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

 

Insieme al mercato settimanale, che oggi – e fino a nuova comunicazione – NON potrà svolgersi, dovranno RESTARE CHIUSI bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, a ESCLUSIONE delle mense e del catering continuativo su base contrattuale che garantiscono la distanza interpersonale prevista.

 

Sono altresì SOSPESE le attività inerenti i servizi alla persona, tra cui parrucchieri, barbieri ed estetiste.

 

Resta CONSENTITA la ristorazione con consegna a domicilio e gli esercizi che somministrano alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e rifornimento carburante lungo la rete stradale, autostradale e all’interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali, lacustri e negli ospedali.

 

RESTANO GARANTITI i servizi bancari, finanziari, assicurativi nonché l’attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro-alimentare, comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi.

 

Le Aziende del Trasporto Pubblico Locale, anche non di linea, dovranno assicurare solo i servizi minimi essenziali.


Documenti allegati: