Accesso ai servizi

Martedì, 17 Marzo 2020

Dai Dirigenti Scolastici di Omegna l’invito a trasformare l’emergenza in opportunità



Dai Dirigenti Scolastici di Omegna l’invito a trasformare l’emergenza in opportunità


Gli Istituti Scolastici di ogni ordine e grado presenti sul nostro territorio stanno rispondendo prontamente all’emergenza sanitaria in atto con proposte personalizzate per gli studenti. Anche per i più piccoli non ancora in età scolare

 

Decisa a riportare l’attenzione sul valore della comunicazione, l’Assessore alla Cultura e all’Istruzione del Comune di Omegna, Sara Rubinelli, ha promosso già nelle scorse settimane presso Palazzo di Città un incontro con i Dirigenti Scolastici delle scuole della nostra città, a cui ha preso parte anche Don Gian Mario Lanfranchini.

 

Obiettivo: combattere insieme la disinformazione e arginare eccessi di comunicazione ritenuti “dannosi” per la collettività attraverso un punto di vista condiviso e da divulgare il più possibile.

 

Ne è uscito un vero e proprio vademecum, in primis sulla volontà di NON IMPROVVISARE LA DIDATTICA A DISTANZA, anche per non penalizzare gli studenti residenti in zone non coperte dalla connessione in fibra o che non possiedono i dispositivi elettronici adeguati per beneficiarne.

 

«Mantenere tutti la giusta calma e lucidità» è l’invito di Alberto Soressi, Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo “Filippo Maria Beltrami”, consapevole oltremodo della gravosa situazione in cui versa la stragrande maggioranza delle famiglie degli studenti frequentanti il suo Istituto e dell’accesso limitato per legge a internet da parte dei minori.

 

Da qui la volontà di porre in essere attività che ciascun giovane alunno potrà svolgere in maniera autonoma, «sempre mediante carichi di lavoro equilibrati». Nello specifico, i bambini delle Prime sono invitati a proseguire nella realizzazione di “compiti di realtà”, come la relazione dei racconti dei nonni, o la preparazione in cucina di torte o affini con l’ausilio della bilancia e della calcolatrice per calcolare proporzioni o fare il computo della spesa economica sostenuta per l’acquisto degli ingredienti.

 

A sua volta, per la scuola secondaria, il Dipartimento di Lettere si è attivato ormai da tempo per poter assegnare a compiti da svolgere in merito alle proprie discipline di competenza, con un rimando alle esercitazioni invalsi di inglese e matematica online.

 

Tutte le informazioni saranno puntualmente divulgate e disponibili sul sito web dell’Istituto Beltrami, mentre in orario prestabilito il personale provvederà a consegnare i testi richiesti.

 

Comune a tutti i Dirigenti presenti all’incontro voluto dall’Assessore Rubinelli la volontà anche di NON improvvisare video-lezioni individuali, «anche se – spiega ancora Soressi – i docenti potranno rendersi disponibili per chiarimenti, o per supportare la didattica, con i mezzi tecnologici a disposizione e per i quali si sentono confidenti». In tal senso, le Classi che già utilizzano la piattaforma online EDMODO continueranno a farlo, mentre le altre riceveranno indicazioni dai relativi Rappresentanti dei Genitori. Agli studenti dell’indirizzo musicale, il compito di ascoltare concerti e di fruire dei canali televisivi preposti.

 

Per gli studenti dell’IIS “Dalla Chiesa-Spinelli” in carico alla Dirigente Rosa Angela Bolognini, per i quali non sussistono limiti per l’accesso a internet, «la vera sfida è fornire il giusto supporto ai docenti, ai quali è richiesto di seguire in una modalità - per alcuni - del tutto nuova i propri studenti. Non sono, però, pochi coloro che hanno aperto spazi online di propria spontanea volontà e questo speriamo possa tranquillizzare i tanti genitori che hanno più volte espresso preoccupazione in merito a esami e prove invalsi al momento sospese e rimandate a date da destinarsi. Quel che è certo è che, al rientro a scuola, sul giudizio dovrà pesare anche la dotazione tecnologica e la connessione di cui ciascun studente avrà potuto beneficiare per rimanere al passo con le modalità di studio a distanza».

 

All’estrema ratio è anche il richiamo della Dirigente Michela Maulini dell’IIS Gobetti di Omegna.

«Oggi, come due settimane fa, è fondamentale che i nostri ragazzi evitino assembramenti, mentre il corpo docente è chiamato tutto ad allinearsi alle norme di insegnamento a distanza contenute nel DPCM, anche se il Piano Scuola Digitale è oggettivamente implementabile solo in parte e di particolare rilevanza per materie specifiche. Mi riferisco a Matematica e Chimica, ad esempio, per le quali la documentazione fine a se stessa non può essere considerata sufficiente. Ma il problema di come raggiungere da remoto gli studenti può diventare un’opportunità – è l’ulteriore puntualizzazione della Preside –: la didattica a distanza si integra nel registro elettronico già in uso da anni nei nostri Istituti affinché diventi consuetudine caricare una pluralità di materiale didattico, anche nell’ottica dell’inclusività».

 

Oltre ad appositi link cui collegarsi per accedere a esercizi corredati dalle opportune soluzioni, o all’intero repertorio delle prove invalsi, sono già attivi collegamenti via Skype, nonché l’adesione alla proposta fornita dalla casa editrice a cui è in carico la gestione del Registro Elettronico, per accedere a una piattaforma per le videoconferenze beneficiando di un database già precostituito.

 

EMAIL E VIDEOMESSAGGI CON AFFETTO ANCHE DALLE MAESTRE DELLE SCUOLE DELL’INFANZIA

 

Nel frattempo, con il plauso anche dell’Assessore Sabrina Proserpio, dall’Asilo Comunale alla Scuola Dell’Infanzia “E. Beltrami” di Cireggio, passando dalla Scuola dell’Infanzia “Bialetti” all’“Enrichetta Sesana” di Crusinallo fino alla Scuola Materna di Agrano, sono tante le Maestre che si sono attivate di propria spontanea volontà per raggiungere via WhatApp o tramite messaggio email i propri piccoli alunni.

 

In un format affettuoso e non invasivo, a cadenza più o meno settimanale, il messaggio unanime è: “Bambini non abbiate paura, andrà tutto bene, ci rivedremo presto!”.

Nell’attesa, per tutti video-ricette su come preparare i biscotti o un gadget divertente per l’imminente Festa del Papà, ma anche la proposta di giochi e attività da fare a casa con mamma e papà, un toto-nome per festeggiare la nascita di due nuovi capretti nella Fattoria Didattica dell’Aldone… e molto altro ancora.

Segno che le tecnologie, quando ben utilizzate, aiutano a sentirci meno soli e lontani l’uno dall’altra.
Dai Dirigenti Scolastici di Omegna l’invito a trasformare l’emergenza in opportunità