Accesso ai servizi

Venerdì, 15 Maggio 2020

La solidarietà a Omegna non può fermarsi



La solidarietà a Omegna non può fermarsi


Sono ancora tante le famiglie della nostra città bisognose di aiuto economico. Allo studio nuove iniziative da parte dell’Assessorato alle Politiche Sociali, che chiama a raccolta le Associazioni per un nuovo sforzo comune

 

Con il Fondo Solidale “Omegna c’è” fermo a quota 18.560 euro l’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune ha in mente la proposta di nuove iniziative per far sì che il sostegno ai più bisognosi non venga meno.

 

«È mia intenzione chiamare a raccolta le Associazioni che operano sul territorio per unire gli sforzi per dare vita a iniziative capaci di stimolare nuove donazioni – spiega l’Assessore competente Sabrina Proserpio. I numeri dei nuovi poveri a Omegna è tale, infatti, da non consentire a nessuno di noi di congratularsi per i risultati raggiunti finora. 18mila euro non sono pochi ma davvero non bastano per dare una risposta alle famiglie con bambini, anche piccoli, che non riescono ad arrivare a fine mese».

 

Si ricorda, infatti, che, a oggi, sono stati erogati sotto forma di Buoni Spesa circa 68.000 euro (di cui 65.000 provenienti dall’anticipo dello Stato al Comune di Omegna, e 3mila presi dal Fondo “Omegna c’è”). Il tutto è andato a favore di 207 nuclei familiari, a copertura di 4 settimane (40 euro per il richiedente, 25 euro per i congiunti a settimana).

Sempre dall’anticipo del Governo, 15.000 euro sono, poi, andati a sostegno di San Vicenzo e Caritas per sostenere i bisogni di prima necessità degli utenti.

Va da sé che, di fronte a questi numeri, l’ammontare a disposizione sul Fondo Solidale della nostra città, purtroppo, non può bastare.