Accesso ai servizi

Lunedì, 11 Febbraio 2019

Omegna intitola il lungo lago ai Martiri delle Foibe Istriane



Omegna intitola il lungo lago ai Martiri delle Foibe Istriane


Il Sindaco Paolo Marchioni e il Responsabile del locale Comitato 10 Febbraio, Luigi Songa, hanno inaugurato il tratto che va dalla Rampa Santa Lucia al Porticciolo di Bagnella

Ieri mattina, nel “ Giorno del ricordo”, alla presenza delle Autorità civili, militari e religiose, il Sindaco di Omegna, Paolo Marchioni, ha intitolato ai “ Martiri delle Foibe Istriane” il tratto di passeggiata che va dalla Rampa Santa Lucia al Porticciolo di Bagnella, già noto come Lungo Lago Antonio Gramsci.

L’intitolazione, che riguarderà il solo lato della passeggiata a lago, non quello delle abitazioni, è avvenuta dopo la benedizione del Prevosto Don Gian Mario Lanfranchini e al cospetto di Luigi Songa, Responsabile del locale Comitato 10 Febbraio, portavoce della proposta discussa in Giunta Comunale alla fine dello scorso ottobre.

Per il Primo Cittadino di Omegna: “Ricordare gli eccidi perpetuati contro la popolazione italiana della Venezia Giulia e della Dalmazia avvenuti durante la Seconda Guerra Mondiale e nell’immediato dopoguerra è un dovere che, in Italia, si è addirittura tradotto in legge (n.92 del 30 marzo 2004). L’intitolazione di un tratto di passeggiata così bello e suggestivo di Omegna nel giorno esatto del ricordo – ha concluso Paolo Marchioni – ha una valenza ancora più importante che, nell’immaginario collettivo, non può non comprendere le vittime innocenti di tutte le stragi compiute dall’umanità verso i propri simili”.